Crea sito

Bruciò moto a Colonnello dei Carabinieri che indagava sul suo conto

Messina. Il rogo, in un’autorimessa attigua ad un complesso residenziale di Messina, esplose nell’agosto dello scorso anno. Vennero date alle fiamme un’automobile e quattro moto. A colpire sarebbe stato un ex carabiniere cinquantaduenne, congedato per motivi disciplinari. Secondo gli investigatori messinesi, entrò in azione per intimidire il colonnello Ivan Boracchia, che solo poche settimane dopo prese servizio al reparto territoriale di via Venezia, che comanda da poco meno di un anno. Il militare, che ha diretto il nucleo investigativo della Città dello Stretto, aveva avviato un’indagine nei confronti di Salvatore Scardigno. L’ipotesi era di concussione. L’ex carabiniere, per tutta risposta, avrebbe preso di mira il mezzo che il colonnello aveva parcheggiato nell’autorimessa. Le fiamme però si sarebbero propagate ad altre moto e ad un’auto. Scardigno è stato arrestato e trasferito nel carcere di Gazzi. Avrebbe già a suo carico altri procedimenti penali e adesso dovrà rispondere di incendio aggravato. Boracchia e i suoi uomini avevano avviato l’indagine sul cinquantaduenne, noto a Messina anche per alcune plateali proteste.

fonte quotidianodigela

Redazione

Pubblicato da Redazione

Forze Armate News è un raccoglitore di notizie di cronaca, politica e attualità, nonché uno dei siti più letti sul mondo delle Forze Armate e dell’Ordine, con milioni di pagine viste. Tutte le notizie in esso contenute, sono verificate da giornalisti. Viene puntualmente citata la fonte. Per comunicati [email protected]